Stelle di Arte e Cultura sul Tubenna dal 9 al 10 agosto. Due giorni di saperi e sapori delle nostre radici.

Il monte Tubenna é perno di un territorio intercomunale intorno al quale far ruotare una idea di sviluppo locale, ne siamo fortemente convinti. Per posizione geografica, caratteristiche geomorfologiche, clima, flora, fauna, risorse idrogeologica e agropastorale, storia, simbologia religiosa e avito riferimento antropologico delle comunità sottostanti,  il Tubenna é uno dei siti picentini di notevole interesse naturalistico, paesaggistico e turistico. Rivalutato attraverso iniziative concrete volte alla sua salvaguardia, può ben rappresentare anche un opportunità di sviluppo dal punto di vista sociale, culturale, turistico ed economico per i Comuni circostanti che devono favorire la sensibilizzazione e la conoscenza di tale rilevante patrimonio del nostro territorio picentino.

La Pro Loco di San Mango Piemonte, ritenendo il pianoro del monte Tubenna, panoramica terrazza posta in capo all’ampio  versante nord-ovest in territorio sanmanghese, splendido scenario per eventi culturali, e non solo, si fa promotrice da circa un ventennio di iniziative socio culturali aventi l’obiettivo di valorizzarne la bellezza paesaggistica e le risorse ambientali.

Il 9 e 10 agosto 2019, dalle ore 19.00 in poi, l’antica abazia benedettina dedicata alla Madonna di Tobenna sarà scenario  suggestivo per le iniziative del Premio d’arte e cultura “Città del Tubenna”. Per due serate nel cortile interno del convento, fondato nel XI sec. da San Guglielmo da Vercelli, addobbato florealmente da Gerardo Risi di “Dilloconunfiore”, il conduttore dell’evento, l’architetto Silvio Cossa, accoglierà poeti, scrittori, autori, giornalisti, artisti, ospiti e visitatori per un susseguirsi di premiazioni e presentazioni, mostre e collettive d’arte, incontri e seminari culturali, happening e recital musicali.

Per l’edizione 2019 la giuria del premio presieduta da Rosa Cascio, critica letteraria, premierà: per la sezione poesia, la poetessa Angela Furcas, autrice della raccolta di versi “Anime di vento”; per la sezione narrativa, il dottor Maurizio Pintore, autore del libro “Tutto qui”; per la sezione saggistica, il prof. Franco Nicolino, per la sua prestigiosa pubblicazione di saggi, racconti e poesie; per la sezione arte, l’artista Gerardo Malfeo, artigiano dell’intreccio che col salice realizza variegate forme d’arte nel solco della tradizione cestaia territoriale. Al cav. Giuseppe Barra, editore, sarà consegnato un Attestato di Benemerenza per la appasionante e costante attività di animatore e divulgatore d’arte e cultura in ogni sua forma.

In programma anche due incontri culturali di particolare interesse, il primo venerdì alle ore 20.30 dal titolo “Radici di comunità” con gli interventi di Maurizio Pintore, narratore di Giffoni Sei Casali, e di Gennaro Saviello, narratore di San Cirpiano Picentino. Il secondo incontro, molto emozionale, ci sarà alle ore 20.00 di sabato 10 sul tema “Festival della felicità, radici etiche e filosofiche del buon vivere” che sarà argomentato da Franco Nicolino, accademico di estetica filosofica dell’UNISA, e dal prof. Enzo Vitolo, docente di letteratura.

Nella foresteria della struttura abaziale sarà allestita la mostra d’arte, ad ingresso gratuito, con i dipinti di Elvira Landi, primo premio sezione arte dello scorso, le tele di Gerardo Esposito, e le composizioni artistiche in salice di Gerardo Malfeo.

Oltre ai tanti saperi, le due serate saranno rese più piacevoli anche da sapori genuini con semplici ed invitanti degustazioni.

Non mancheranno momenti musicali. Balli tradizioni e canti coinvolgenti coinvolgeranno tutti i presenti per tutta la serata di venerdì. La giovanissima chitarra di Roberto Fierro farà da colonna sonora alla declamazione di brani e poesie. Sabato sera, la Elvira Landi presenterà le sue composizioni canore che faranno da preludio all’affermato ed attesissimo concerto di San Lorenzo. Il naturale belvedere del monte Tubenna, ben si presta all’osservazione notturna della volta celeste per intravedere il fenomeno delle Perseidi e, guardando in direzione Nord-Est sotto la famosa costellazione di Cassiopea, poter cogliere l’attimo luminoso di una stella cadente a cui chiedere l’avverarsi di un sogno.

Alle 22.00 nella navata centrale dell’antica abbazia benedettina di Santa Maria a Tobenna, il Maestro Luciano D’Elia con la sua Ensemble vocale e strumentale “Salerno Classica” terrà al undicesima edizione del concerto sotto le stelle di Tubenna. La rassegna musicale di questa edizione 2019 presenterà i più più celebri brani scritti da Sant’Alfono Maria de’ Liguori, contemporaneo di Antonio Genovesi, che tra il 1724 ed il 1739 venne in missione evangelica più volte a Castiglione del Genovesi, a San Mango Piemonte, a San Cirpiano Picentino e nel territorio Picentino.

Il Premio di arte e cultura “Città del Tubenna” è una iniziativa della Pro Loco di San Mango Piemonte, allestita in collaborazione con la Pro Loco di Castiglione del Genovesi, sotto l’egida del Comune di Castiglione del Genovesi, patricinata  dai Comuni di San Mango Piemonte e San Cipriano Picentino, dalla Comunità Montana Monti Picentini, dal CoPIS e dall’UNPLI Salerno, condivisa con la Pro Loco Sanciprianese e la Pro Loco Etruschi di Frontiera, e supportata  dall’associazione “Rareca” e dal Centro Studi “Life & Go”.

Il Sindaco di Castiglione del Genovesi, Matteo Generoso Bottigliero, vedi intervista clicca qui, entusiasta di questo evento e orgoglioso della collaborazione intercomunale che suscita, invita a non mancare al Tubenna nelle serate del 9 e 10 agosto, vi si troverà arte, cultura, musica, natura, gastronomia, cordialità fresca e rilassante che aiuteranno a predisporre l’animo ad esprimere i desideri per ogni stella cadente che si avrà la fortuna di scorgere nella stellata volta celeste visibile da un monte tanto caro alla gente picentina e tanto ricco di risorse naturale e paesaggistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *