Turismo culturale e di prossimità per il rilancio dei borghi.

L’emergenza pandemica avrà notevole ripercussione sul modo di viaggiare e sull’essere turista. Un nuovo scenario si prospetta per il turismo mondiale sempre più orientato ad un turismo  culturale e di prossimità. La nuova tendenza deriva, come qualcuno ipotizza, da un rinnovato bisogno di creare connessioni con culture locali e dal riaffiorare di un inedito desiderio di autenticità. 

Il turista culturale è interessato entrare in contatto con elementi che caratterizzano un determinato territorio o comunità come la storia, le tradizioni, le tipicità, la gastronomia. Egli intende il turismo come opportunità di conoscenza e di esperienza, non una semplice occasione di svago e spensieratezza. Nell’intraprendere un viaggio ha sempre la motivazione: sa perché lo fa, perché ha scelto una determinata destinazione e cosa spera di ricavare dal viaggio. Partire motivati e consapevoli è un un modo semplice ed immediato per trasformare il turismo culturale in turismo sostenibile in quanto supporta e rafforza, in modo diretto, l’identità di chi vive nei luoghi di destinazione e la riscoperta di posti mai visti con gli occhi del turista.    

La riscoperta dei luoghi di interesse culturale vicino casa sarà favorita dallo spiraglio di un minimo flusso vacanziero, gestito sempre all’insegna del contenimento e della prevenzione.  Abbiamo la fortuna di vivere in una terra ricca di storia, arte, cultura, natura e delizie enogastronomiche senza eguali. Non sempre si ha conoscenza delle attrattive culturali e turistiche che ci circondano. Il più delle volte si va lontano a cercare ciò che abbiamo vicino casa. La riscoperta dei luoghi più prossimi è detto turismo di prossimità e mira a rivalutare in termini turistici quei posti che, proprio perché eccessivamente vicini e quotidiani, non abbiamo mai considerato di guardare con gli occhi di un visitatore.

La pandemia ha segnato un solco profondo nel modus vivendi del genere umano, in particolare nel modo di viaggiare e relazionarsi. Il sistema turistico ha subito un enorme scossone e la sua rinascita passa dal rilancio di un turismo protetto e circostanziato, rilassato e localizzato, stimolante ed esperienziale. Il turismo di prossimità, abbinato a quello culturale e sostenibile, può essere una carta vincente per la rinascita del sistema turistico ed il rilancio dei singoli territori della nostra bella Italia,  non a caso conosciuta, a livello mondiale, come il Belpaese.  

nicolavitolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *