MelaFoto: galeotta per gettare le basi di un ponte tra Pro Loco dedita alla valorizzazione della melicoltura territoriale.

L’UNPLI Piemonte con un post apparso sulla sua pagina facebook ha così commentato la realizzazione del premio “MelaFoto” organizzato dalla Pro Loco di San Mango Piemonte ed a cui ha partecipato la Pro Loco Piatto di Biella.
———
Questione di mele e di Piemonte
Le Pro Loco di Piatto (Bi) e di San Mango (Sa)
valorizzano le antiche mele locali

Galeotto è stato, come si dice, il concorso MelaFoto che la Pro Loco di San Mango Piemonte (questo il curioso nome per esteso del paese) ha organizzato per celebrare il suo frutto più tipico: la mela annurca dei monti Picentini. Una delle tante e costanti iniziative che la Pro Loco guidata da Nicola Vitolo, “giornalista, scrittore e poeta”, realizza per promuovere la propria terra, le proprie radici, le tradizioni: cultura materiale ed immateriale, dunque.

Il Concorso è stato pubblicizzato anche dall’Unpli Nazionale ed è così balzato all’occhio di Danila D’Alessandro, presidente della Pro Loco di Piatto, Biella, paesaggista, che similmente porta avanti da anni il recupero e la valorizzazione di una mela locale: la “piatlin” o “piatta”. E così ha raccolto in velocità fra le molte foto fatte negli anni quelle che erano più adatte ad un concorso.
Nulla da fare contro i professionisti della fotografia che hanno artisticamente interpretato il tema della mela. Davvero bravi. Ma una menzione d’onore e la promessa, fatta in diretta Zoom, di organizzare il prossimo anno il concorso insieme: Pro Loco di Piatto e Pro Loco di San Mango Piemonte, che però è in Campania!
Davvero felici di quest’apertura tutte le autorità presenti: sindaco, altre Pro Loco di Bacino, rappresentanti Unpli provinciali e regionali… Nascerà una rete di Pro Loco e mele antiche?”
Grazie mille….é stata un prima edizione molto propositiva, oltre le aspettative…. felici di aver avuto l’opportunità di conoscervi…meluniamici..non sarà la mela galeotta a farci cacciare dal paradiso terrestre, la nostra bella Italia intera, ma galeotta a farci progettare un ponte che avvicina le distanze…quando finirà l’emergenza taglieremo insieme il nastro ai due caposaldi della traviata….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *