Viaggi: Teatro San Carlo Venerdì 8 febbraio

TEATRO SAN CARLO – OPERA: PAGLIACCI di RUGGERO LEONCAVALLO
Venerdì 08 Febbraio 2019
Propongono: Pro Loco Olevano e Pro Loco Eboli

I PAGLIACCI :
TRAMA Dopo un’introduzione strumentale, la rappresentazione inizia a sipario calato, con un baritono, in genere quello che interpreta Tonio, solitamente nel costume che vestirà più avanti come Taddeo, che si presenta al proscenio come “Prologo” (Si può?, si può?), fungendo da portavoce dell’autore ed enunciando i principi informatori e la poetica dell’opera. La piccola compagnia teatrale itinerante composta dal capocomico Canio, dalla moglie Nedda e dei due commedianti Tonio e Beppe giunge in un paesino del sud Italia per inscenare una commedia. Canio non sospetta che la moglie, molto più giovane, lo tradisca con Silvio, un contadino del luogo, ma Tonio, fisicamente deforme, che ama Nedda e ne è respinto, lo avvisa del tradimento. Canio scopre i due amanti che si promettono amore, ma Silvio fugge senza essere visto in volto. L’uomo vorrebbe scagliarsi contro la moglie, ma arriva Beppe a sollecitare l’inizio della commedia perché il pubblico aspetta. Canio non può fare altro, nonostante il turbamento, che truccarsi e prepararsi per lo spettacolo (Vesti la giubba). Dopo un intermezzo sinfonico, Canio/Pagliaccio deve impersonare nella farsa un marito tradito, ma la realtà prende il sopravvento sulla finzione (No, Pagliaccio non son) ed egli riprende il discorso interrotto poco prima, rinfacciando a Nedda/Colombina la sua ingratitudine e dicendole che il suo amore è ormai mutato in odio per la gelosia. La donna, intimorita, cerca di mantenere un tono da commedia, ma poi, minacciata, reagisce con asprezza. Beppe vorrebbe intervenire, ma Tonio, eccitato dalla situazione, di cui è responsabile con la sua delazione, glielo impedisce, mentre gli spettatori, dapprima attratti dalla trasformazione della farsa in dramma, comprendono troppo tardi che ciò che stanno vedendo non è più finzione. Di fronte al rifiuto di Nedda di dire il nome del suo amante, Canio accoltella a morte prima lei e poi Silvio, presente tra il pubblico, accorso sul palco per soccorrerla. A tragedia compiuta, secondo la partitura originale, Tonio/Taddeo esclama beffardo e compiaciuto, rivolgendosi al pubblico: “La commedia è finita!”.[7] Tale battuta passò precocemente a Canio, divenendo la prassi esecutiva abituale.

Venerdi 8 Febbraio :
Ore 16.00: Partenza da Eboli e proseguimento per Battipaglia Bellizzi Pontecagnano Salerno con pulmino 30 posti.
Ore 18.00: Arrivo a Napoli. Passeggiata per Via Toledo.
Ore 19.00: Ingresso a teatro.
Ore 20.00 Ore 20.00 Inizio OPERA – PAGLIACCI di Ruggero Leoncavallo
Ore 21.30: Fine Spettacolo ed inizio rientro
Ore 22.30: Arrivo in sede

La quota di partecipazione, comprensiva di biglietto per il teatro + autobus dal comune di partenza a Napoli e viceversa, è di Euro 70 per poltrona in platea, Euro 65 per posto parapetto in palco centrale I^ e II^ fila, Euro 60 per posto parapetto in palco centrale III^ e IV^ e sempre a diminuire per posti in palchi laterali da versare al momento della prenotazione. Per ulteriori informazioni e prenotazioni sarà possibile mettersi in contatto con i tour operator che organizzano.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *