Sabato 27 luglio viaggio nel tempo col treno storico che da Napoli a Balvano ripercorre il tragitto del treno 8017.

Nell’ambito delle manifestazioni per Matera – Capitale della cultura 2019,  il 27 luglio 2019 Balvano sarà capitale della cultura per un giorno.

La amministrazione comunale del piccolo centro lucano, guidata dal Sindaco Costantino Di Carlo,  ha inteso dedicare questa giornata alla conoscenza di luoghi e fatti dell’immane tragedia ferroviaria del treno 8017, la più grave dell’intera Europa.

Nella notte tra il 2 e 3 marzo 1944 il treno proveniente da Napoli, col suo carico di persone e cose, si fermò nella galleria delle Armi, a pochi metri dalla stazione di Balvano. Nonostante gli sforzi di macchinisti e fuochisti, il convoglio non riuscì a ripartire. La combustione del carbon fossile sprigionò dalle locomotive un denso fumo nero, carico di ossido di carbonio e polveri sottili, che avvolsero il treno 8017, da testa a coda, in un progressivo manto di morte privo di ossigeno e vita. Passarono dal sonno alla morte più di 600 passeggeri.  Se ne salvarono in pochi, solo quelli dell’ultimo vagone fermo all’entrata della galleria delle Armi.

Sabato 27 luglio un treno storico partirà da Napoli per ricordare quell’enorme disastro ferroviario, per ripercorrere lo stesso tragitto che per molti si concluse nelle nere pieghe di una notte eterna. Farà sosta a Torre Annunziata, Salerno e Pontecagnano per far salire viaggiatori diretti alla giornata  della cultura della memoria di Balvano.  

Alle ore 17.00 dello stesso giorno, alla presenza di autorità locali e promotori, si inaugurerà un pannello commemorativo frutto del progetto “San Mango – Balvano, percorso di memoria e di futuro” che dal 2008 ha prodotto azioni ed iniziative intese a dare voce alle vittime del treno 8017 cadute nell’oblio dell’indifferenza e dell’anonimato, ad offrire un segno al silenzioso sacrificio di tanti civili dimenticati, a dare un monito per il dolore patito da molte famiglie del napoletano, del salernitano e del territorio lucano. 

Il pannello in cotto, offerto dalla Pro Loco San Mango Piemonte, con il dipinto “Treno 8017”, dell’artista Laura Bruno, e la poesia “A Balvano”, scritta da Nicola Vitolo, riporta i colori della tragedia, le angosce di una speranza, le ragioni di un viaggio, il perchè di una memoria viva.

Nella medesima giornata è prevista anche l’escursione a piedi alle Gole del Platano, un profondo canyon che per un tratto segnano anche il confine tra la Campania e la Basilicata. L’itinerario si snoda lungo il sinuoso  fiume Platano, dal cui panoramico greto si scorgono i ponti e le gallerie dell’antica linea ferroviaria. In un paesaggio reso estremamente suggestivo dalle infinite tonalità di colori della vegetazione che si confondono con le cangianti sfumature delle rocce a strapiombo sul canyon.

PROGRAMMA di sabato 27 luglio 2019

Napoli partenza treno storico h 7.30
Fermate intermedie: Torre Annunziata – Salerno – Pontecagnano
Arrivo a Balvano
Accoglienza in Comune
Visita a piedi del luogo delle tragedia (sono previste escursioni di diverso grado di difficoltà a seconda delle
condizioni fisiche delle persone interessate)
Pranzo (al sacco o presso pizzeria/agriturismi della zona a prezzo convenzionato )
Visita Cappella morti del treno 8017 presso cimitero di Balvano
Scoprimento pannello commemorativo
Ritorno treno storico a Napoli h 17

Per chi fosse interessato a ripercorre un tratto di storia sul treno storico il costo del biglietto è di 15 euro.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi al sito www.goledelplatano.it oppure rivolgersi a:
– Pro Loco San Mango Piemonte, telefono/whatsapp 392 356 3877, mail: prolocosanmango@gmail.com
– Pro Loco Etruschi di Frontiera, telefono/whatsapp 347 351 7660, mail: etruschidifrontiera@tiscali.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *