Favole Sanmanghesi: “C’era una volta …….PUPTELLA”

Molto spesso le mie figlie, Gina e Francesca, accompagnano il nonno Riziero nella vecchia casa in  mezzo  all’ orto,  dove  il  nonno  ripone  gli  attrezzi  per  coltivare  la  terra. Sovente capita che mio padre mentre lavora, per tenere buone le bambine, racconta loro fatti e favole della sua fanciullezza, di cui ho provveduto a farne una raccolta, con altre cose riguardanti gli usi ed i costumi locali, dal titolo “San Mango Piemonte…. secondo Vitolo”, poichè la maggior parte di queste testimonianze sono state colte nell’ambito della famiglia Vitolo, il più numeroso ceppo sanmaghese, almeno del XX° secolo.

Da questa raccolta traggo la favola di Pupttella così come è stata raccontata a mia figlia Francesca dal nonno Riziero.

Un giorno, mentre Francesca era nell’orto con nonno Riziero,  all’improvviso viene giù dal cielo un forte acquazzone. Allora si sono  riparati  nella vecchia cucina della casa  e, poiché la piccola si era bagnata, il nonno ha deciso accendere il fuoco nel vecchio camino per far asciugare il cappotto e il berretto di lana. Dopo qualche tentativo, dalla legna si è sprigionata una rossa e calda fiamma che ha preso ad illuminare e riscaldare quell’ambiente tanto caro a mio padre. Per un po’ di tempo egli è rimasto assorto nei suoi pensieri a fissare il crepitio della legna in fiamme, quasi che nella luce del vecchio camino riuscisse a visionare i ricordi di una lontana fanciullezza. Poi ha volto lo sguardo verso la nipotina e, ancora immerso nel suo mondo lontano, con un dolce e complice sorriso dei suoi stanchi occhi azzurri, le ha proposto di essere protagonisti di una delle fiabe che gli raccontava sua nonna. Allora, in quella magica atmosfera creatasi nella stanza, Francesca è diventata  Pupttella,  e il nonno un principe.

 

Ogni mattina, Pupttella và ad innaffiare una pianta di fiori che si chiama marianella.

Ogni mattina, il figlio del re s’affaccia al suo balcone per vederla, parlarle,  conquistarla:

“ Pupttella…Pupttella…. quant’a foglie tene ‘a Marianella?”

Ed ella puntualmente risponde:

“E tu ca si figl r’imperatore quant’a brecce stann ‘a mare e quant’a stelle stann  ‘ncielo?”

Il principe, messo in difficoltà dalla sfrontatezza di Puptella e deciso a far valere la sua posizione, un bel giorno si reca  dalla maestra della giovane per chiederle di  mandare Pupttella  a rubare le pesche nel giardino del palazzo reale.

Dopodiché egli si nasconde nel giardino, pronto a sorprendere la giovane ladra. Non appena Pupttella inizia a raccogliere furtivamente  pesche dall’albero, il principe la blocca dicendole:

“Ah, mariuncella, mariuncella …. Te stai arrubanno e percuchelle”

Pupttella vistosi scoperta, piangendo implora  il perdono del suo signore.

Questi la conduce a sedere con sé sui gradini della scala e, appoggiato il  capo nel grembo della bella giovane, si addormenta.

Pupttella, ansiosa di scappar via, solleva pian pianino la testa del principe e l’appoggia su un masso. Quindi, prende un’altra grossa pietra, rinchiude  il capo del figlio del re tra due pietre e, soddisfatta di quanto fatto, scappa via.

Quando il principe si sveglia, si arrabbia non poco per essere stato fatto fesso dalla giovane.

Allora ritorna dalla maestra di Pupttella e le ordina di tenere a dormire la giovane in casa la notte.

Il principe, quindi,  si nasconde sotto il letto e, quando le due donne si sono addormentate, con un ago prende a pungere  Pupttella che, infastidita, dice alla maestra:

“Zie’ Mae’….. zie’ Mae’ ….. pimmece e pullc nel tuo letto”.

La maestra, sapendo chi era a provocare tale fastidio, risponde:

“Ruorm’…. Ruorm’….., figlia r’or so’  lenzola nov’ ca’ nun so’  stat mis a liett ancora”.

Il mattino seguente, quando Pupttella và ad innaffiare la sua Marianella, il principe prende a canzonarla:

“ Pupttella…Pupttella… quant’a foglie tene ‘a Marianella?”

Ma  la giovane prontamente gli chiede:

“E tu ca si figl r’imperatore quant’a brecce stann ‘a mare e quant’a stelle stann  ‘ncielo?”.

Ed inizia così un battibecco tra i due fatto di rimproveri e rivelazioni:

“Mariuncella, mariuncella …t’arrubbasse e percochelle”

“Te mettiette p’a capa ‘nde prete!”

“Zie’ Mae’….. zie’ Mae’ ….. pimmece e pullc nel tuo letto”

“Ruorm’…. Ruorm’…..,, figlia r’’or so’  lenzola nov’ ca’ nun so’  stat mis a liett ancora”

Puptella, indignata per essere stata sopraffatta dal potere  del principe,  compra un bella mula e, vestendosi come una ricca principessa, và  per le strade della città annunciando:

“Chi bacia ‘nculo alla mia mula gli dò la mula con tutta la cintura”

Il principe, attratto dalla bella e ricca principessa, tenta di  vincere la scommessa lanciata.  Ma Pupttella, al momento buono, tira la cintura e la mula, per tutta risposta, fa  la cacca sul viso dell’esterrefatto principe.

La mattina successiva, quando Pupttella ritorna ad innaffiare la sua Marianella e il principe la riprende in giro con la solita domanda, si prende  la rivincita.

“ Pupttella…Pupttella…. quant’a foglie tene ‘a Marianella?”

“E tu ca si figl r’imperatore quant’a brecce stann ‘a mare e quant’a stelle stann  ‘ncielo?”

“Mariuncella, mariuncella … t’arrubbasse e percochelle”

“Te mettiette p’a capa ‘nde prete!”

“Zie’ Mae’….. zie’ Mae’ ….. pimmece e pullc nel tuo letto”

“Ruorm’…. Ruorm’…..,, figlia r’’or so’  lenzola nov’ ca’ nun so’  stat mis a liett ancora”

“Chi bacia ‘nculo alla mia mula gli dò la mula con tutta la cintura”

Il principe scopertosi ancora  beffeggiato dall’astuzia di Pupttella, prepara  la sua rivincita  e, travestitosi da pescivendolo, và a vendere la sua merce vicino alla casa della giovane.

“Pesce fresco….pesce fresco”

Pupttela, accorsa per acquistare del pesce, si abbassa sulla cesta  per verificarne la qualità. Il principe subito ne approfitta  e le da  un bacio.

Pupttella, smascherato l’ingannatore, scappa  via meditando il castigo da infliggergli.

Al mattino seguente riprende la solita filastrocca tra  Pupttella, che annaffia la Marianella, ed il principe che la osserva dal balcone del suo palazzo.

“ Pupttella…Pupttella…. quant’a foglie tene ‘a Marianella?”

“E tu ca si figl r’imperatore quant’a brecce stann ‘a mare e quant’a stelle stann  ‘ncielo?”

“Mariuncella, mariuncella t’arrubbasse e percochelle”

“Te mettiette p’a capa ‘nde prete!”

“Zie’ Mae’….. zie’ Mae’ ….. pimmece e pullc nel tuo letto”

“Ruorm’…. Ruorm’…..,, figlia r’’or so’  lenzola nov’ ca’ nun so’  stat mis a liett ancora”

“Chi bacia ‘nculo alla mia mula gli dò la mula con tutta la cintura”

“Sei venuta a comprare il pesciolino e ti ho dato un bel  bacino”

Pupttella, stanca di essere insediata  dal principe, decide di fargli prendere una tale paura da togliergli  la voglia di importunarla. Quindi decide di travestirsi da strega e, d’accordo con le guardie, entra nella stanza del principe.

Avvicinatosi al letto dove egli dorme, prende  a dire:

“Sono la morte e devi morire… Sono la morte e devi morire”

Il principe, atterrito e sonnolento, risponde:

“Morte vai da mamma mia …  io deve vivere fino a domani mattina … perché devo vedere Pupttela mia”

Il principe, scosso dagli avvenimenti della notte, sicuro di morire, la mattina seguente si fa accompagnare dai suoi armigeri al balcone per vedere Pupttella. E quando questa arriva  per innaffiare la sua pianta, mestamente riprende  la solita filastrocca canzonatoria.

“ Pupttella…Pupttella…. quant’a foglie tene ‘a Marianella?”

“E tu ca si figl r’imperatore … quant’a brecce stann ‘a mare … e quant’a stelle stann  ‘ncielo?”

“Mariuncella, mariuncella … t’arrubbasse e percochelle”

“Te mettiette p’a capa ‘nde prete!”

“Zie’ Mae’….. zie’ Mae’ ….. pimmece e pullc nel tuo letto”

“Ruorm’…. Ruorm’…..,, figlia r’or … so’  lenzola nov’ … ca’ nun so’  stat mis a liett ancora”

“Chi bacia ‘nculo alla mia mula … gli dò la mula con tutta la cintura”

“Sei venuta a comprare il pesciolino … e ti ho dato un bel bacino”

“Sono la morte e devi morire….. sono la morte e devi morire”

“Ah! – dice infine il principe – tu mi hai fatto prendere questo enorme spavento. Allora non devo morire.”

Pupttella e il principe, ormai stanchi di punzecchiarsi continuamente, fanno  la pace e….

Il mio arrivo con gli ombrelli ha rotto quell’incantesimo creatosi tra il nonno e la nipotina, ed ha riportato i due improvvisati protagonisti di un’atavica fiaba  alla quotidiana realtà del terzo millennio. Ma quanta serenità è comparsa sul volto di mio padre che per qualche istante è ritornato bambino insieme a mia figlia.

(Nicola Vitolo)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *